Filo conduttore

“FiloConduttore”
mostra personale di Lucio Pintaldi

Venerdì 2 Agosto presso il Museo Civico Tempo di Canicattini Bagni, l’artista Lucio Pintaldi presenterà al pubblico la sua nuova collezione di opere in una mostra personale dal titolo “FiloConduttore” visitabile dal 2 al 24 Agosto. Perché di un vero e proprio filo conduttore si tratta: un legame, una connessione tra la coloratissima fluidità creativa delle opere pittoriche con i suoi ‘omini’ ed i colori vivaci e la capacità comunicativa delle performances ed installazioni d’arte effimera per i quali utilizza materiali naturali dalla breve durata espositiva ma dal forte impatto sensoriale. Tecniche ed espressioni che lo portano a viaggiare da Noto, città natale, in giro per il mondo ma con radici sempre ben salde nelle tradizioni e contraddizioni della sua amata terra di Sicilia.

Lucio Pintaldi, nato a Noto (SR) il 13 dicembre 1982, ha conseguito il diploma di maturità presso il corso di studio di decorazione pittorica dell’Istituto Statale d’Arte di Noto con la qualifica di maestro d’arte.
Da anni risulta impegnato nel panorama dell’Arte Contemporanea con la partecipazione ad eventi e mostre in giro per l’Italia.
Nell’osservare le sue opere si intuisce l’essenza della sua arte che è trasposizione del suo essere e della sua personalità in un mondo intimo, istintivo, inquieto, colorato, figlio delle contraddizioni dell’epoca in cui vive.
Utilizza tecniche diverse su diversi tipi di supporto (tela, legno, plastica, vetro ecc…) mescolando i colori e i materiali in un vortice di emozioni cangianti che lo rendono un cultore dell’Astrattismo.
Inoltre non disprezza lo stile figurativo, gli scatti fotografici e l’arte postale che lo rendono un artista poliedrico.
Impegnato anche nell’ideazione e nell’allestimento di quadri infiorati, da più di diciassette anni è autore di numerosi bozzetti che lo hanno portato a viaggiare in Italia e nel mondo ed infatti ha partecipato anche agli eventi e sfilate promosse dagli stilisti Dolce e Gabbana (Noto, Piazza Armerina, Avola, Poggio Moiano, Rossano Calabro, Milano, Cervaro; Tel Aviv, Gerusalemme, Castelbuono, Paola, Via Grande ecc…).

Lo vedrete all’opera venerdì 2 agosto al Museo TEMPO con istallazioni e performance inerenti alle tematiche presenti al Museo. Sarà infatti un percorso esperienziale che coinvolgerà tutti i sensi. Vi aspettiamo.


 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *